Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

TAURIANOVA (RC), MARTEDì 18 GIUGNO 2024

Torna su

Torna su

 
 

Taurianova, il rifiuto di Giacomino Larosa alla vice segreteria del Pd Il giovane di belle speranze del partito democratico di Taurianova, ritiratosi per la corsa alla segreteria del partito democratico declina l’invito del consigliere comunale

Taurianova, il rifiuto di Giacomino Larosa alla vice segreteria del Pd Il giovane di belle speranze  del partito democratico di Taurianova, ritiratosi per la corsa alla segreteria del partito democratico declina l’invito del consigliere comunale

Di Robin Hood

Il congresso del Partito democratico a Taurianova, continua a riservare sempre dei colpi di scena. L’elezione di Mesa Gerace a segreteria del partito locale non ha raggiunto l’equilibrio sperato. Cerchiamo di capire le motivazioni;
Intanto bisogna chiarire che gli iscritti al Pd, sono in tutto 29, al congresso hanno votato 14. Nove i voti per Mesa Gerace, 5 gli astenuti. A norma di regolamento dello statuto del Pd il congresso non era valido. Ma il punto non è questo. Questi sono aspetti burocratici. Le differenze sono politiche. In prospettiva Marafioti e Larosa saranno sicuramente in competizione per la leadership locale. Dunque per Marafioti era meglio avere l’alleanza con Gerace, d’altronde già cimentata in campagna elettorale. Una abbinata che ha dato frutti sperati per entrambi. Il giovane Giacomino Larosa, (cresciuto a pane e politica dal papà Pasquale Larosa, segretario della Cgil della piana di Gioia Tauro, è storico dirigente della sinistra taurianovese), in solitudine ha raggiunto un voto elettorale straordinario. Giacomino Larosa, gode della stima del gruppo dirigente locale, individuandolo come punto di riferimento per il futuro. Ecco proprio in questo ragionamento politico, si gioca la partita all’interno del Pd. Una cosa va detta, Larosa ha dimostrato , con il rifiuto alla vice segreteria di pensare in grande, ridando dignità alla politica. Si può perdere e vincere nella massima trasparenza. Ma ognuno al suo posto, in attesa della nuova assise congressuale. Senza inciuci. Dunque tocca a Mesa Gerace trovare le soluzioni, per ridare slancio ad un partito appiattito negli anni sulle posizioni dell’ex sindaco Fabio Scionti. Ci riuscirà?