Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

TAURIANOVA (RC), SATURDAY 31 OCTOBER 2020

Torna su

Torna su

Notizie Popolari

 
 

Ruby: “Non sono una prostituta. Mai toccata dal premier”

Ruby: “Non sono una prostituta. Mai toccata dal premier”

La ragazza, durante la trasmissione Kalispera, ha raccontato di essere stata vilolentata a 9 anni da due zii

Ruby: “Non sono una prostituta. Mai toccata dal premier”

La ragazza, durante la trasmissione Kalispera, ha raccontato di essere stata violentata a 9 anni da due zii

 

(ANSA) Mentre prosegue anche oggi l’attivita’ degli inquirenti milanesi sul caso Ruby con l’audizione di nuovi testimoni e l’analisi del materiale sequestrato la scorsa settimana e la Giunta per le autorizzazioni decide di rinviare l’esame degli atti a martedì, va avanti lo scontro politico. Pierluigi Bersani spiega che il Pd non chiede elezioni anticipate (che non teme), accusa il premier Berlusconi di aver tradito la Costituzione e lo invita a recarsi dai giudici da dimissionario e a rimettersi al Capo dello Stato. Dall’Udc, il presidente Buttiglione parla di ‘questione morale diventata questione politica’ e con il segretario Cesa chiede che il premier passi la mano ad un altro esponente Pdl. L’Idv rilancia chiedendo che si indaghi anche su come sono stati ottenuti ‘incarichi di governo’, i radicali presentano un nuovo esposto sull’inserimento, che ritengono ‘illegale’, della Minetti nelle liste elettorali. La Lega valuta irricevibile la richiesta di dimissioni dalle opposizioni, mentre l’Udc col segretario Lorenzo Cesa chiede a Berlusconi di chiarire o lasciare. E in una rosa fra tre possibili successori (Tremonti, Alfano o Gianni Letta), indica la preferenza al sottosegretario.

FAMIGLIA CRISTIANA: NOTTI ARCORE,SQUALLORE E DEPRAVAZIONE – “Le notti di Arcore”. Si intitola così il resoconto sul caso Ruby pubblicato sul sito internet di Famiglia Cristiana, che anche oggi torna a esprimersi con posizioni molto dure. “L’affresco delle ‘notti di Arcore’ che emerge attraverso le intercettazioni di molte ragazze che vi hanno partecipato, allegate alla richiesta di autorizzazione, è un misto di squallore e depravazione”, si legge nel testo. “Giovani pronte a ‘offrirsi al Drago’ in cambio di soldi, gioielli o alla disponibilità di appartamenti, ingaggiate per allietare le feste del ‘sultano’ “. “Se quanto scrivono i magistrati nella richiesta alla Camera di autorizzazione alla perquisizione dell’ufficio di un collaboratore di Berlusconi venisse confermato – sottolinea on line il settimanale dei Paolini – il quadro sarebbe squallido e sconfortante”.

NUOVE RIVELAZIONI DI RUBY: SONO STATA VIOLENTATA A 9 ANNI DA DUE ZII – Karima El Mahrohug, detta Ruby, fu violentata a nove anni da due zii, fratelli di suo padre. Lo ha raccontato la ragazza durante la registrazione di Kalispera!, la trasmissione di Alfonso Signorini, in onda questa sera. “A nove anni fui – ha detto – violentata da due miei zii, fratelli di mio padre”. L’unica persona con cui ebbi il coraggio di parlare fu mia madre che mi disse: “Stai zitta perché se papà scopre che non sei vergine ammazza té”. Nella prima parte dell’intervista, Ruby non ha parlato della vicenda giudiziaria in cui è coinvolta. Ha invece raccontato quella che è stata la sua “vita parallela” in cui diceva continuamente di essere egiziana, non marocchina. Ha poi detto che quando, a 12 anni, decise di cambiare religione, suo padre la punì “con una padella di olio bollente” addosso tanto che ne porta ancora i segni in testa e su una spalla. “Non mi ha toccato nemmeno con un dito”, ha detto Ruby, riferendosi al premier Silvio Berlusconi. “Lo stimo come persona e per avermi aiutato senza alcun tornaconto”, ha detto la ragazza. Ruby non avrebbe mai detto al premier Silvio Berlusconi di essere parente del presidente egiziano Mubarak. Nel corso della registrazione di Kalispera, Ruby ha ricostruito la sera del 14 febbraio 2010 quando andò a cena ad Arcore. “Piacere Ruby – si presentò la ragazza – ho 24 anni”. Aggiunse poi di essere egiziana, non marocchina. La vicenda della “nipote di Mubarak”, come il premier la qualificò nella sua telefonata in questura, Ruby sostiene di averla appresa “dai giornali”. Ruby Rubacuori ha spiegato di non “aver mai fatto la prostituta”. “Ho provato a farlo – ha detto la ragazza – ma, come diceva mia madre, puttane si nasce, non si diventa”. La ragazza ha raccontato che, durante uno dei suoi periodi di difficoltà, un’amica l’aveva fatta andare in un lussuoso albergo del centro di Milano, dove avrebbe dovuto incontrarsi con un cliente. Una volta salita in camera e spogliatasi, l’uomo non la toccò, le diede mille euro, e le disse: “cerca di non diventarlo mai”.

SABINA BEGAN: SONO IO IL BUNGA BUNGA – “Sono io il Bunga Bunga. Non c’é niente di strano in questa cosa mi ritengo un po’ una scimmià. Lo ha detto l’attrice Sabina Began, intervistata a Sky Tg24. La Began aveva affermato nei giorni scorsi che il Bunga Bunga è un codice tra lei e il presidente del Consiglio.

redazione@approdonews.it

Change privacy settings