Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

TAURIANOVA (RC), SUNDAY 27 SEPTEMBER 2020

Torna su

Torna su

Notizie Popolari

 
 

Reggio Calabria, fotomontaggi porno contro Angela Marcianò Il candidato a sindaco è stata vittima di alcune immagini esecrabili diffusi su Whatsapp. Pioggia di solidarietà da parte di tutte le compagini politiche

Reggio Calabria, fotomontaggi porno contro Angela Marcianò Il candidato a sindaco è stata vittima di alcune immagini esecrabili diffusi su Whatsapp. Pioggia di solidarietà da parte di tutte le compagini politiche

la candidata a sindaco del Comune di Reggio Calabria, è stata vittima di fotomontaggi porno diffusi sull’applicazione di messaggistica “Whatsapp”, la stessa lo ha reso noto in un comizio comunicando che ha già inoltrato denuncia alla Polizia Postale.
“Si tratta di un atteggiamento ignobile, volgare e vergognoso”, così la Marcianò, che ieri sera, in piazza Camagna, ha incontrato i cittadini. La sua coalizione è formata da quattro liste.
Sono pervenute diversi attestati di stima e di solidarietò ad Angela Marcianò in queste ore.

Fotomontaggio porno con Angela Marcianó, la solidarietà di Cannizzaro: “balordi che devono vergognarsi, indegni della nostra città”
“Reggio Calabria sta vivendo in questi giorni un’appassionate campagna elettorale per rinnovare sindaco e consiglio comunale sei anni dopo l’ultima volta. Il dibattito è entrato nel vivo ma è ignobile per la nostra città assistere al degrado vergognoso di intimidazioni e diffamazioni come quelle occorse negli ultimi giorni ed Angela Marcianó”. Lo afferma, in una nota, l’on. Francesco Cannizzaro, deputato di Forza Italia.
“Angela è una degli 8 nostri competitor politici ma non possiamo rimanere indifferenti di fronte alla gravità dell’ultimo gesto occorsole nella giornata di ieri. Chi ha realizzato il fotomontaggio a sfondo pornografico deve soltanto vergognarsi. Non è questo il dibattito che vogliamo, non è questo il livello del confronto politico, evidentemente è un gesto che si commenta da se è mi auguro che gli autori siano al più presto consegnati alla giustizia. Forza Italia con la legge sul codice rosso e con le battaglie parlamentari di tutti i nostri rappresentanti, ha già una lunga storia a tutela dei diritti delle donne, più esposte a questo tipo di barbari maltrattamenti. Esprimo quindi ad Angela Marcianó la massima solidarietà e l’incoraggiamento, seppur le sue idee siano differenti dalle nostre e siamo contrapposti nella campagna elettorale, a continuare per la sua strada senza farsi intimidire da qualche vigliacco”. Forza Angela.

La solidarietà del conisgliere regionale Paris al candidato sindaco Marcianò

Massima solidarietà e vicinanza al candidato sindaco Angela Marcianò per il vile atto compiuto da sciacalli, privi di sensibilità e umanità. Nelle scorse settimane, mi ero appellato al buonsenso e ad abbassare i toni di una campagna politica troppo “accesa” invitando tutti a mostrare programmi ed idee per la nostra Reggio Calabria. Queste azioni distorte non hanno nulla a che vedere con il confronto dialettico e con la politica, sono gesti di miserabili che non meritano alcuna considerazione. In attesa che gli investigatori e le forze dell’ordine facciano piena luce su questo grave atto, invito il candidato sindaco Angela Marcianò a non scoraggiarsi e a portare avanti il suo impegno istituzionale sotto l’egida della legalità e della avversione a qualunque forma di condizionamento che pregiudichi l’interesse pubblico della cittadinanza.

Campagna elettorale sempre più avvelenata – Solidarietà ad Angela Marcianò e Vincenzo Morabito

La segreteria provinciale e quella regionale del Movimento Sociale Fiamma Tricolore esprimono la loro incondizionata solidarietà al nostro candidato sindaco Angela Marcianò ed al consigliere della lista “Per Reggio Città Metropolitana” Vincenzo Morabito per i vili atti che in questi ultimi giorni li hanno visti sfortunati protagonisti.
Dapprima la chiara intimidazione mafiosa a Vincenzo, persona onesta e perbene, che ha deciso di metterci la faccia in questa tornata elettorale per contribuire al cambiamento di una città ormai in macerie; ieri il vile ed inqualificabile gesto contro sessista, autentica porcheria, contro Angela Marcianò. Due episodi incommentabili.
Siamo purtroppo costretti ancora una volta a ripeterci: già da diverse settimane il Movimento Sociale Fiamma Tricolore denuncia il brutto clima in cui si sta svolgendo questa campagna elettorale senza che nessuno intervenga per far abbassare i toni e riportare la discussione sui binari della civiltà: attacchi quotidiani al nostro movimento con note stampa grondanti di odio politico con la chiara complicità di un certo giornalismo militante che ci riportano ad anni bui della storia d’Italia.
Rinnoviamo pertanto il nostro fino ad oggi ancora inascoltato appello a tutte le componenti politiche, ai candidati a sindaco, alle istituzioni ad intervenire con i loro rappresentanti affinchè simili atti non si verifichino più e si possa assistere in modo sereno agli ultimi giorni di campagna elettorale.


Augliera (M5S): Solidarietà per Angela Marcianò

Quando il dibattito elettorale si sposta sul personale significa che si è poveri di argomentazioni valide. L’osceno atto perpetrato nei confronti di Angela Marcianò è sinonimo di meschinità, così in una nota il candidato M5S al consiglio comunale Augliera esprime solidarietà alla candidata sindaco.
Auspico che gli autori di tale atto siano assicurati alla giustizia e adeguatamente puniti. Capisco e sono vicino ad Angela Marcianò perché io ho dovuto recentemente sporgere denuncia per un atto vandalico alla mia autovettura – continua Augliera-.
Credo che chiunque sarà il nuovo sindaco -conclude Augliera-dovrà essere un esempio morale per rappresentare una città costituita in prevalenza da persone perbene.

Lista Klaus Davi
“Totale solidarietà ad Angela Marcianò. La violenza e l’aggressività non sono mai accettabili, specialmente in una campagna elettorale, che invece dovrebbe essere massima espressione di democrazia e civiltà”. Lo affermano Klaus Davi e Nico Pangallo a nome di tutti i candidati della Lista Klaus Davi per Reggio. “La città sta dimostrando una grande attenzione sociale ed un ben preciso stile elettorale, diventa inaccettabile questa terribile volgarizzazione con ricorso ad affermazioni misogine e delegittimazioni sessiste. Angela è una combattente e non si piegherà dinanzi a questi atteggiamenti vili”, concludono i rappresentanti della Lista Klaus Davi.

Intimidazione Marcianò, la solidarietà di Dieni: «Offesa a tutte le donne»
«Solidarietà e vicinanza incondizionate ad Angela Marcianò, vittima di una vergognosa campagna sessista che offende tutte le donne».
Lo afferma la portavoce alla Camera del Movimento 5 stelle Federica Dieni in merito ai fotomontaggi pornografici creati ai danni della candidata sindaco di Reggio Calabria.
«Quanto avvenuto – sostiene la parlamentare 5 stelle – è un atto indegno che non può lasciare indifferenti. Marcianò è una avversaria politica, le nostre idee divergono, ma questo non mi impedisce, ovviamente, di stare al suo fianco in questa doverosa battaglia contro la misoginia e la violenza sulle donne. Purtroppo, questa è la reazione ogniqualvolta una donna assume un ruolo di primo piano sulla scena pubblica».
«Quegli indegni fotomontaggi – conclude Dieni – altro non sono che la scontata risposta di ambienti retrogradi della società nei quali continua a trovare linfa la convinzione che la donna debba esclusivamente badare alle faccende di casa. Per questi ambienti, per fortuna sempre più ristretti, le donne che contraddicono questo cliché devono essere bullizzate con ogni mezzo e, in particolar modo, tramite mortificanti richiami sessuali. Manifesto una volta di più la mia solidarietà nei confronti di Angela Marcianò: in questi casi nessuna donna deve rimanere sola».

Nota stampa a firma delle 47 donne candidate nelle liste che sostengono Angela Marcianò
I fatti, ormai noti a tutti, ci hanno colpite nell’orgoglio. Non di donne o candidate, ma proprio di cittadine.
Mettere in rete l’immagine pornografica di una donna è già di per sé un atto vile e deplorevole, figurarsi poi se è il fotomontaggio che coinvolge una mamma, moglie, donna seria, integerrima, impegnata da sempre nel sociale e in politica. Angela Marcianò ha messo in campo proprio la sua immagine pulita, quella che anche i più acerrimi “nemici” sono obbligati a riconoscere, seppur a denti stretti. E pensare di imbrattarla con questo gesto scandaloso ha un che di ignobile ed al contempo stupido, perché non fa altro che testimoniare la piccolezza d’animo di coloro che l’hanno pensato, progettato, realizzato e messo in rete, l’incapacità di sostenere dialoghi normali e confronti corretti.
Prima di scrivere pubblicamente Noi, abbiamo aspettato che intervenissero le Istituzioni del territorio e gli altri schieramenti politici impegnati in questa campagna elettorale. Ma la solidarietà, la vicinanza, non si dà mai per scontata. Ed è proprio questo il motivo del nostro scrivere collettivamente: la firma di questa nota pubblica è di 47 donne, tutte le candidate presenti nelle liste che sostengono Angela Marcianò. Noi vogliamo la vicinanza della gente, di donne e di uomini! La solidarietà VERA, non ci basta quella dell’opportunità del momento e di facciata!
Le donne quando decidono di condurre una crociata in difesa di qualcosa o di qualcuno non le fermi neppure per un attimo. Non esiste “il sesso debole”, noi non ci sentiamo affatto di esserlo, sposando quindi a pieno motivazioni ed ideali portati avanti da Angela non adesso in campagna elettorale 2020, bensì da molti anni prima.
La storia politica cittadina di quest’ultimo mese ha già dato ampia dimostrazione di ciò che sanno mettere in moto le donne quando decidono di fare qualcosa, di raggiungere un obiettivo, di schierarsi. Noi oggi ci schieriamo ancora una volta, lo facciamo mettendoci DAVANTI ad Angela, né dietro né al fianco.
Con la certezza dei nostri valori ci aggrappiamo maggiormente alla convinzione di essere sulla strada giusta, quella dell’indipendenza e della libertà.
SEMPRE CON TE, ANGELA, OGNUNA DI NOI.

“Ho letto quanto di assurdo è accaduto ad Angela Marcianò, cosi nella tarda mattinata di oggi, le ho inviato un messaggio privato
di solidarietà e vicinanza.
È poco dire che si tratta di comportamenti scorretti e da condannare senza se e senza ma. Comportamenti sessisti che normalmente nascondono pregiudizi e difficoltà ad accettare le capacità o il confronto con l’altro genere.
Sempre la stessa storia che affonda le sue origini e le sue radici nella bassa cultura.
Sono umanamente vicino ad Angela Marcianó ed esprimo la mia piena solidarietà e vicinanza per quanto le è accaduto”
Marco Siclari

Ci sono tante criticità in questo territorio. Qualcuno elencherà la raccolta rifiuti, la rete idrica, la viabilità, per citarne alcune. E poi ci sono gli avvelenatori di pozzi. Fidatevi se vi dico che una serpeggiante deriva umana e valoriale sta inquinando quella che dovrebbe essere una sana competizione elettorale. Una sfida da duellare a colpi di argomenti, progetti, visioni e che invece, per qualche essere di dubbie qualità morali, finisce per spostarsi su piani quanto più infimi.
Il gesto irriguardoso che ha avuto per obiettivo Angela Marcianò, alla quale rivolgo la mia piena solidarietà, ne qualifica i responsabili e, come donna, mi sono immedesimata vittima io stessa, innanzitutto perché denota un sessismo persistente, in secondo luogo perché indica l’incapacità di alcuni “trogloditi” di affrontare il dibattito in un ambito prettamente politico. E così si va sul personale, colpendo il presunto “punto debole: l’esser donna. Poco importa se quelle immagini modificate o quelle invenzioni minano alla dignità della persona in questione, gettando fango sul suo vissuto umano e professionale, sudato e composto. “Sei ancora quello della pietra e della fionda, uomo del mio tempo” – recitava Quasimodo denunciando una latente natura umana che con l’avvento della civiltà non è mai mutata: ha cambiato armi, ma mai istinti, egoismi ed interessi, sempre con la stessa ferocia.
E io mi chiedo: che battaglia stiamo combattendo? Come pensiamo di poter dare prospettive alla nostra città se non ci ribelliamo a certi luridi soprusi? Come pensiamo di immaginare il futuro senza un orizzonte di giustizia e correttezza?
Alessandra Quattrone
Candidata a consigliere comunale lista FRATELLI D’ITALIA

COMUNICATO STAMPA LISTA KLAUS DAVI

Io, Paola Ventura Trunfio, e tutte le donne candidate della lista “Klaus Davi per Reggio” siamo rimaste sgomente nell’apprendere il vile e squallido gesto perpetrato nei confronti della dottoressa Angela Marcianò. Gesto che rappresenta il più basso modo di fare campagna elettorale e politica. Vile attacco alla figura di una donna che ha deciso di impegnarsi in un mondo che è ad esclusivo appannaggio maschile, gesto che ha come unico obiettivo quello di ledere l’immagine delle donne, ridotte sempre e comunque a mero oggetto sessuale. Con tali operazioni si vuole mirare non ad un confronto democratico e civile, basato sui contenuti e sui programmi ma basato sull’oggettivazione e la sessualizzazione del corpo femminile. L’azione del face swapping e del deepfake rappresentano due tra le tante forme di violenza che noi donne subiamo e combattiamo ogni giorno. Questi gesti dovrebbero farci riflettere e dovrebbero far riflettere il mondo politico tutto, serve maggiore considerazione delle donne in ogni ambito. Non servono solo leggi ma serve un concreto percorso per le generazioni future di educazione e di rispetto di genere. Bisogna abbassare i toni, improntati alla sterile critica e tante volte di mero discredito dell’avversario e tornare al piano dell’attenzione per l’altro, del nostro prossimo, dopotutto la politica deve essere condivisione d’intenti per il bene comune.

Per tanto in premessa: oggi siamo tutte Angela Marcianò.

Change privacy settings