Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

TAURIANOVA (RC), GIOVEDì 18 LUGLIO 2024

Torna su

Torna su

 
 

Reggio Calabria, ennesimo grave lutto nelle Forze dell’Ordine, un altro poliziotto si toglie la vita Sindacato Polizia Cgil, "una mattanza a cui occorre porre fine"

Reggio Calabria, ennesimo grave lutto nelle Forze dell’Ordine, un altro poliziotto si toglie la vita Sindacato Polizia Cgil, "una mattanza a cui occorre porre fine"

C’è ancora un altro grave lutto tra Forze dell’Ordine. Giornata di lutto a Reggio Calabria per la morte di un poliziotto in servizio presso il XII Reparto Mobile della città che si è tolto la vita ieri.
L’agente era originario di Castrovillari. Continuano senza sosta le morti tra le Forze dell’Ordine che sempre più arrivano a compiere l’estremo gesto tra lo sgomento e l’incredulità di colleghi, conoscenti e amici.
Si tratta del secondo caso nel giro di pochi giorni, proprio il 25 maggio, un’altra morte aveva scosso Palmi a seguito del suicidio di un agente della Polizia Stradale che si è tolto la vita con la pistola di ordinanza a soli 25 anni.
Ogni giorno si aggiungono nuovi morti tra militari ed agenti che purtroppo decidono di mettere fine alla loro vita in modo prematuro.

CS SILP CGIL CALABRIA: Suicidi in divisa, nuovo caso in Calabria: una mattanza a cui occorre porre fine
“Ancora un suicidio in polizia. Ancora la nostra regione protagonista di questa mattanza che non può più essere sottaciuta. A nessuno importa veramente del benessere lavorativo e psicologico di poliziotti, carabinieri, finanzieri, penitenziari e militari. In una terra come la nostra dove donne e uomini in divisa sono impegnati ogni giorno contro la ‘ndrangheta, la criminalità e la continua emergenza sbarchi dei migranti, spesso con turni di lavoro estenuanti, si dimentica troppo spesso che dietro ogni difensore della legge c’è una persona e non un robot”.
Lo afferma in una nota Ottavio Spinella, il Segretario Generale Regionale del Silp Cgil, il sindacato di polizia della Cgil.
“Sono storie – prosegue Spinella- che raccontano di problemi familiari e di difficoltà economiche quali cause scatenanti. I vertici delle forze di polizia hanno sottovalutato per anni questo problema. Qualcosa è stato fatto negli ultimi anni, ma molto resta ancora da fare”.
“Come sindacato siamo impegnati per contrastare questo fenomeno, i dirigenti sindacali di categoria e delle Camere del Lavoro sono a disposizione di lavoratrici e lavoratori in divisa in tutta Italia per una reale politica di ascolto e dialogo. Ma non basta. Serve un impegno serio della politica e delle amministrazioni. Siamo pronti a iniziative anche clamorose sul tema dei suicidi se sarà necessario”.