Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

TAURIANOVA (RC), DOMENICA 14 APRILE 2024

Torna su

Torna su

 
 

Pizzo, donna bulgara arrestata per furto aggravato di energia elettrica

Pizzo, donna bulgara arrestata per furto aggravato di energia elettrica

L’operazione è scattata a seguito dei controlli predisposti dell’Arma sul territorio

ROSARIA MARRELLA

Pizzo, donna bulgara arrestata per furto aggravato di energia elettrica

L’operazione è scattata a seguito dei controlli predisposti dell’Arma sul territorio

 

ROSARIA MARRELLA

 

PIZZO – Ennesimo arresto in città. A finire in manette una cittadina bulgara di 33 anni, Ilive Ginka Dimitrova, la quale è domiciliata in un appartamento sul mare, posto proprio sul confine tra il comune napitino ed il capoluogo. L’arresto – per l’accusa di furto aggravato – è avvenuto a cura dei militari della locale stazione, agli ordini del comandante Pietro Santangelo e del vice, Giuseppe Barilaro, i quali stanno monitorando incessantemente tutto il territorio della cittadina costiera. Sono stati gli uomini di Santangelo ad accorgersi della palazzina abitata quasi interamente da stranieri e, nella quale, dai contatori della luce uscivano matasse di fili che, solitamente, non si vedono. I militari hanno così deciso di intervenire immediatamente, chiedendo l’intervento di una squadra di controllo dell’Enel, per prendere contezza della situazione. Gli uomini della Benemerita hanno così scoperto come la cittadina bulgara – alla quale la società elettrica aveva sospeso l’erogazione dell’energia oltre un anno fa a causa della propria morosità – avesse trovato un ingegnoso sistema per continuare a godere dei vantaggi della corrente elettrica senza doverne sostenere i costi. Semplicemente, dopo averlo forzato, aveva bypassato il contatore facendo in modo che tutta l’elettricità che usava per far funzionare i numerosi apparecchi domestici,  non venisse registrata. Un lavoro da vera professionista che, però,  non le ha evitato l’arresto con l’accusa di furto aggravato. Reato di cui dovrà ora rispondere dagli arresti domiciliari all’autorità giudiziaria vibonese.  L’azione dell’Arma continua quindi senza soste a Pizzo, prova ne sono le numerose operazioni che, praticamente quotidianamente, vengono portate a termine dai militari della Benemerita. Un’azione quella degli uomini di Santangelo, volta a trecentosessanta gradi, per garantire la legalità in tutto il territorio.