Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

TAURIANOVA (RC), LUNEDì 04 LUGLIO 2022

Torna su

Torna su

 
 

Pirateria agroalimentare, sequestrate oltre 105 tonnellate di grano e 5 denunce Le Fiamme Gialle nel corso di un'operazione in diverse regioni d'Italia

Pirateria agroalimentare, sequestrate oltre 105 tonnellate di grano e 5 denunce Le Fiamme Gialle nel corso di un'operazione in diverse regioni d'Italia

Sono oltre 105 le tonnellate di grano duro sequestrate in diverse regioni d’Italia dalla Guardia di Finanza nel
corso di un’operazione di contrasto alla pirateria agroalimentare condotta in collaborazione con SICASOV –
Società Cooperativa d’Interesse Collettivo Agricolo dei Selezionatori Costitutori.
I finanzieri del Nucleo Speciale Beni e Servizi hanno sviluppato una mirata analisi di rischio nel settore
agroalimentare finalizzata a verificare il rispetto degli obblighi in materia di produzione e commercializzazione
di varietà certificate di frumento duro.
Sulla base delle risultanze degli accertamenti preliminari e delle informazioni fornite da SICASOV, ente che
tutela i diritti di proprietà intellettuale sulle varietà vegetali, sono state inviate mirate segnalazioni ai Comandi
Provinciali interessati, che hanno dato corso agli interventi ispettivi.
Nel corso dei controlli sono emerse varie ipotesi illecite quali l’utilizzo di semi sprovvisti della prescritta
certificazione, la vendita di grano delle varietà protette “Antalis”, “Marco Aurelio”, “Athoris”, “Avispa”, “LG
Anubis” e“Tirex” senza aver assolto i relativi obblighi, la miscelazione di grano delle predette con altro di
differenti varietà.
I controlli sono stati svolti dai Nuclei di Polizia Economico Finanziaria di Bari, Potenza, Palermo, Caltanissetta
ed Agrigento, dalle Compagnie di Termoli e San Severo e dalla Tenenza di Castellaneta.
Gli esami genotipici sui campioni prelevati sono stati condotti presso il laboratorio CREA di Foggia,
specializzato nel settore.
5 persone sono state denunciate alle competenti Procure della Repubblica per l’ipotesi di reato prevista all’art.
517 ter del codice penale (fabbricazione e commercio di beni usurpando titoli di proprietà industriale).
L’operazione si inserisce nel contesto delle attività svolte da Guardia di Finanza a contrasto alle frodi ed alla
contraffazione nel settore agroalimentare, a tutela della produzione nazionale.