Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

TAURIANOVA (RC), LUNEDì 15 LUGLIO 2024

Torna su

Torna su

 
 

Mercato immobiliare: tipologie e fattori che influenzano le quotazioni Mercato immobiliare: quali sono le tipologie principali

Mercato immobiliare: tipologie e fattori che influenzano le quotazioni Mercato immobiliare: quali sono le tipologie principali

| Il 10, Lug 2024

Mercato immobiliare è un’espressione piuttosto generica con la quale si fa riferimento a quel settore economico all’interno del quale si svolgono tutte quelle transazioni commerciali che riguardano i vari tipi di beni immobili. Superficialmente si potrebbe essere portati a pensarlo come un mercato dedicato alla compravendita o alla locazione di case e appartamenti, ma in realtà si tratta di un settore decisamente variegato in cui si tratta qualsiasi tipologia di immobile.

Mercato immobiliare: un settore complesso e dinamico

Il mercato immobiliare è per certo particolarmente complesso, sicuramente non facile da interpretare.

È anche particolarmente dinamico, influenzato da diversi fattori e nel quale si riscontrano grandi differenze fra una regione e l’altra; tant’è che, solo per fare un banalissimo esempio, l’andamento prezzi case Bologna potrebbe essere in determinati momenti del tutto opposto a quello di Reggio Calabria, simile a quello di Firenze o identico a quello di Ancona per poi mutare totalmente in altri periodi.

Dal momento che il mercato immobiliare è una realtà con la quale prima o poi moltissimi hanno a che fare, per le motivazioni più diverse, cerchiamo di capire quali sono i fattori che lo influenzano e lo “muovono”.

Mercato immobiliare: quali sono le tipologie principali

Una pratica suddivisione del mercato immobiliare è quella che considera quattro diverse categorie: residenziale, commerciale, industriale e agricolo.

Il mercato immobiliare residenziale prende in considerazione tutti quegli edifici destinati a usi abitativi, vale a dire le case singole, le ville, le villette a schiera, i condomini ecc.

Nel mercato immobiliare commerciale le trattative riguardano gli immobili quali uffici, centri commerciali, negozi, ristoranti, bar, alberghi ecc.

In quello industriale le transazioni sono relative a magazzini, fabbriche, capannoni industriali ecc., mentre nel caso del mercato immobiliare agricolo si ha a che fare con i terreni destinati alla coltivazione o all’allevamento del bestiame, i terreni boschivi e i vigneti.

Mercato immobiliare: un interessante indicatore economico

Il mercato immobiliare è un interessante indicatore dell’andamento economico di un Paese. Di norma infatti, un mercato immobiliare stagnante indica uno stato dell’economia non particolarmente brillante; viceversa, quando il mercato immobiliare è particolarmente attivo, l’economia del Paese sta attraversando di solito una fase di floridità.

In genere, infatti, quando l’economia è in crescita si assiste a un maggior numero di investimenti immobiliari e anche a un aumento delle compravendite di edifici a uso abitativo, un segnale che le famiglie si trovano in una condizione di maggiore fiducia nel futuro e finanziariamente più stabile.

I fattori che influenzano il mercato degli immobili

Sono diversi i fattori che influenzano in modo significativo il mercato immobiliare. Come facilmente si può intuire da quanto esposto precedentemente, un fattore determinante è lo stato di salute dell’economia del Paese; in una fase di crescita, il mercato immobiliare è particolarmente dinamico e si assiste a un aumento più o meno significativo delle transazioni immobiliari in tutti i vari segmenti (residenziale, commerciale ecc.).

Hanno un certo peso anche le politiche economiche attuate nel tempo; anche in periodi meno brillanti per l’economia generale, il settore immobiliare può risultare sufficientemente vitale grazie a misure economiche ad hoc (incentivi, bonus edilizi ecc.).

Un fattore che ha un grande peso sulle quotazioni immobiliari e quindi anche sulla dinamicità del settore è l’ubicazione della proprietà immobiliare; l’andamento dei prezzi degli immobili, in particolar modo di quelli residenziali, è infatti fortemente influenzato dalla località. Il prezzo di un appartamento nel centro di Milano può essere più alto di quello di una casa singola di un piccolo comune in provincia di Reggio Calabria, Cosenza, Catanzaro, ecc.

All’interno di una determinata località, ovviamente, la quotazione è legata alla precisa ubicazione della proprietà, ovvero dalla vicinanza a servizi pubblici (scuole, trasporti, centri commerciali ecc.), alla sicurezza della zona, alla qualità dell’aria ecc.; un conto è trovarsi in centro o in una zona residenziale e un altro è trovarsi in periferia.

Hanno molta importanza anche le dimensioni (maggiore è la metratura, maggiore sarà la quotazione) e la presenza di altri spazi oltre a quello abitativo (giardino, prato, box auto ecc.).

Altri fattori d’influenza sono l’età dell’immobile, le sue condizioni, la sua classe di efficienza energetica ecc.