Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

TAURIANOVA (RC), SATURDAY 24 OCTOBER 2020

Torna su

Torna su

Notizie Popolari

 
 

Magarò solidale con Valle del Marro

Magarò solidale con Valle del Marro

“Gli operatori della cooperativa costruiscono una microeconomia sana e sostenibile”

Magarò solidale con Valle del Marro

“Gli operatori della cooperativa costruiscono una microeconomia sana e sostenibile”

 

“Con grande sforzo, tenacia, coraggio e determinazione gli operatori della Cooperativa Valle del Marro quotidianamente conducono una battaglia silenziosa ma incisiva contro la ‘ndrangheta – scrive Salvatore Magarò, presidente della Commissione contro il fenomeno della mafia in Calabria. Lavorano nei terreni confiscati alla criminalità organizzata, ne raccolgono i frutti, ne commercializzano i prodotti costruendo tassello dopo tassello una microeconomia sana e sostenibile da contrapporre alle distorsioni del sistema cagionate dalle infiltrazioni mafiose. E si espongono al rischio delle ritorsioni. Le cronache registrano l’ennesimo furto nei capannoni di Gioia Tauro di pertinenza della Cooperativa. Probabilmente un atto dimostrativo delle cosche, che all’interno hanno trovato pochi attrezzi di scarso valore che comunque sono stati rubati. Due mesi addietro l’ultimo precedente. Qualche settimana fa ho avuto il piacere di essere ospite della Valle del Marro e di percepire come questi luoghi sottratti all’arroganza della ‘ndrangheta, siano un cuore pulsante della lotta alla illegalità, un nucleo di aggregazione di energie sane che operano da deterrente naturale contro il potere mafioso e che il potere mafioso in nessun modo potrà disarticolare. Sono vicino agli operatori della Cooperativa con cui peraltro stiamo lavorando per aprire nella sede del Consiglio regionale, una bottega per la vendita dei prodotti di Libera Terra. Auspico inoltre che si possa dare corso anche alla installazione dell’impianto di videosorveglianza dell’intera area oggetto dei danneggiamenti, per il quale esiste un progetto che dovrebbe essere presto realizzato attingendo ai fondi del Pon Sicurezza”.

redazione@approdonews.it

Change privacy settings