Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

TAURIANOVA (RC), FRIDAY 30 OCTOBER 2020

Torna su

Torna su

Notizie Popolari

 
 

La Svolta: “Portualità, Minicuci tifa Gioia Tauro o Genova?” Tra i grandi assenti della campagna elettorale del candidato leghista del centrodestra Minicuci, spicca in modo piuttosto evidente il tema di Gioia Tauro

La Svolta: “Portualità, Minicuci tifa Gioia Tauro o Genova?” Tra i grandi assenti della campagna elettorale del candidato leghista del centrodestra Minicuci, spicca in modo piuttosto evidente il tema di Gioia Tauro

Tra i grandi assenti della campagna elettorale del candidato leghista del centrodestra Minicuci, spicca in modo piuttosto evidente il tema di Gioia Tauro e in particolare delle politiche di rilancio e sviluppo che toccano da vicino il più importante e strategico insediamento industriale e produttivo dell’intera Calabria. Un silenzio che va ben oltre la semplice povertà di contenuti che pure ha clamorosamente contraddistinto la proposta salviniana per Reggio Calabria, e che fa emergere inquietanti interrogativi sui legami politici e sulle stesse reali origini di tale candidatura imposta a tutto il centrodestra reggino dal leader della Lega, Matteo Salvini.
Ci chiediamo, ad esempio, come mai la lista “Cambiamo con Toti” il movimento espressione diretta del governatore della Liguria, sia stato presente alle amministrative solo a Reggio Calabria. Un’attenzione davvero singolare date le profonde distanze e differenze, prima di tutto geografiche, che separano il contesto ligure da quello reggino e che del resto fa il paio con la fin troppo plateale apertura di credito, avvenuta a mezzo stampa, da parte del sindaco di Genova Bucci nei confronti del suo ex segretario generale. Ora, se è vero che due indizi sono una coincidenza, non vorremmo che tutti questi elementi messi insieme, siano parte di un più ampio e oscuro disegno orchestrato ai danni del nostro territorio e in particolare di quegli asset fondamentali e vitali per far ripartire economia e occupazione a Reggio Calabria.
Non è un mistero, infatti, che il porto di Gioia Tauro nel quadro delle dinamiche legate alla portualità e alle connesse strategie economiche e commerciali, rappresenti storicamente un fattore di forte “disturbo” nei confronti di Genova. Ed è un fatto altrettanto acclarato che lo scalo reggino abbia nel recente periodo intrapreso un virtuoso percorso di crescita che lo ha portato a riposizionarsi ai vertici del sistema di connettività degli scali container a livello internazionale. Tutto ciò, chiediamo sommessamente anche e soprattutto al tessuto produttivo e imprenditoriale e alle stesse associazioni di categoria, può destare motivo di preoccupazione? Possiamo sapere dal candidato leghista del centrodestra cosa ne pensa al riguardo e quali idee lui abbia in merito a Gioia Tauro? O dobbiamo pensare che la sua candidatura sia solo uno strumento nelle mani e al servizio di altri centri decisionali che verso Reggio Calabria nutrono un interesse pari allo zero?”.

Change privacy settings