Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

TAURIANOVA (RC), VENERDì 30 SETTEMBRE 2022

Torna su

Torna su

 
 

Elezioni, Ziccarelli (IV): “Votare terzo polo per cambiare il destino della Calabria”

Elezioni, Ziccarelli (IV): “Votare terzo polo per cambiare il destino della Calabria”

“Le prossime elezioni segneranno lo spartiacque tra la riproposizione di populismi, qualunquismi ed incompetenze che stanno caratterizzando la stagione politica e la prospettiva di dar seguito e concretezza alle politiche di riforme strutturali di contrasto alle crisi economiche, climatiche e di relazioni tra Stati e culture come previsto nel programma del terzo polo che si legittima anche in quanto prosecuzione delle politiche riformiste attuate dal governo Renzi e da quelle sensate del governo Draghi.
È un passaggio delicato e gravido di conseguenze negative o positive per la vita delle famiglie,delle imprese e dei singoli a seconda delle scelte che si faranno nell’urna e di chi sarà chiamato a gestire governo, PNNR, rapporti armonici tra economie dei singoli, delle famiglie e delle imprese e non chiacchiere e fumosità inconcludenti , diritti dei singoli e delle comunità e non odio sociale e pregiudizi razziali welfare e non assistenzialismo, giustizia e non giustizialismo, sviluppo e non sussidio. Meloni, Conte, Letta e le loro incredibili coalizioni alla cetto laqualunque, sgangherate e litigiose, o Draghi, a chi affidare il nostro futuro, se questo è, noi diciamo Draghi.
In Calabria tutto ciò si traduce nella possibilità o meno di valorizzare coste, montagne, laghi, terme, prodotti e centri d’eccellenza, intelligenze tutte condizionate e represse da un decennale sistema di conservazione che la sedicente sinistra e la miope destra ha perpetrato e difeso per legittimare le loro esistenze.
L’affermazione del terzo polo rende possibile la rottura di tale sistema di interscambio culturale e politico tra coalizioni di qualunquisti e di incompetenti privi di memoria e prospettiva che si trascinano tra luoghi comuni e chiacchiere inconcludenti.
In Calabria e nell’area metropolitana di Cosenza/Rende il bisogno di infrastrutture e di affermazione del diritto al lavoro, alla salute ed alla salubrità si scontra con la riproposizione da parte di destra e sinistra di uomini, donne e pratiche politiche che nei decenni l’hanno condannata alla marginalità, l’esigenza del rinnovamento, della competenza, della concretezza è vitale.
L’attuazione del programma di Italia Viva-Azione in uno all’affermazione dei suoi candidati sono lo strumento che noi cittadini abbiamo per invertire lo scenario di degrado ed arretratezza e sono garanzia di una nuova e bella stagione di sviluppo e tutela dei territori e dei cittadini calabresi.
Come Coordinatore di Italia Viva di Rende insieme ai volontari ed ai dirigenti sono a disposizione di cittadini, di imprenditori, della stampa nei locali della Sede di Italia Viva in Rende presso via Marconi,per incontri e confronti sui temi del programma elettorale e su quelli di interesse locale che saranno oggetto anche delle prossime iniziative pubbliche con tutti i nostri candidati”.
Così in una nota Domenico Ziccarelli Assessore del comune di Rende e coordinatore Italia Viva Rende.