Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

TAURIANOVA (RC), SABATO 20 LUGLIO 2024

Torna su

Torna su

 
 

Condannato per l’omicidio della madre, si toglie la vita in carcere

Condannato per l’omicidio della madre, si toglie la vita in carcere

| Il 29, Ott 2010

A trovare il corpo dell’uomo un agente della Polizia penitenziaria

Condannato per l’omicidio della madre, si toglie la vita in carcere

 

A trovare il corpo dell’uomo un agente della Polizia penitenziaria

 

(AGI) FOGGIA- Un uomo di 55 anni, detenuto nel carcere di Foggia da due anni perche’ doveva scontare una condanna per omicidio a 12 anni di reclusione ieri alle sette di sera si e’ tolto la vita. A trovare il corpo dell’uomo un agente di polizia penitenziaria che non ha potuto far nulla per salvare il 55enne. Il 16 marzo scorso i giudici della corte d’assise di Foggia avevano condannato l’uomo a 12 anni di carcere riconoscendogli la semi infermita’ mentale. La sera di due anni aveva ucciso la madre con un mattarello da cucina: la sera stessa dell’omicidio, l’uomo, confesso’ il delitto dicendo di averlo fatto perche’ stanco delle accuse che la madre gli rivolgeva per la sua condizione economica e lavorativa. Sul suicidio del detenuto sono intervenuti anche i sindacati di categoria, che rilevano che si tratta del 56esimo omicidio accertato in cella del 2010, e puntano il dito anche contro le condizioni in cui i detenuti sono costretti a vivere nelle carceri. “Ancora una volta – ha ribadito Eugenio Sarno della Uil Pa- non possiamo non connettere l’ennesima auto soppressione al sovraffollamento ed alle indegne condizioni detentive”. A Foggia sono presenti 731 detenuti a fronte di un capienza regolamentare di 403.

redazione@approdonews.it