Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

TAURIANOVA (RC), MARTEDì 18 GIUGNO 2024

Torna su

Torna su

 
 

Catanzaro, alcuni rioni abbandonati nel degrado La denuncia di Natale Giaimo (Fiamma Tricolore)

Catanzaro, alcuni rioni abbandonati nel degrado La denuncia di Natale Giaimo (Fiamma Tricolore)
Testo-
Testo+
Commenta
Stampa

Certamente l’Amministrazione Comunale di Catanzaro, con in testa il Sindaco Abramo, tra un rimpasto e l’altro – tutti conditi da una serie di litigi e di accuse reciproche tra i protagonisti, indice che anche a Catanzaro il cosiddetto centrodestra è più vicino all’implosione ingloriosa di quanto ci si possa aspettare, e questo senza che l’altrettanto cosiddetto centrosinistra ne sia minimamente colpevole – stà adoperandosi perché i quartieri abbiano finalmente a riprendersi dall’atavica situazione di degrado e di abbandono in cui siamo ormai abituati a Catanzaro, ma NON TUTTI i quartieri, bensì solo quelli che hanno qualche “santo protettore” nella stanza dei bottoni e tra i consiglieri che contano. Tutti gli altri, e tra essi sicuramente Gagliano e Mater Domini, continuano ad essere trattati come parenti poveri e reietti da costoro. Non ci credete???? Ulteriore ed ultima riprova la Fiera di San Lorenzo, storicamente ricca di tradizione e luogo di ritrovo per migliaia di Catanzaresi in quei giorni. Oggi ridotta a mercatino rionale, perfino inferiore, come presenze dei commercianti, a quello settimanale del mercoledì. Una vera e propria desolazione ed un disastro economico per gli operatori commerciali, mentre i cittadini sono stati costretti a tornarsene a casa con le classiche “pive nel sacco” non avendo trovato nulla per cui valesse la pena di girare e di soffermarsi a comprare. Il classico “serpente che si morde la coda”: I pochi commercianti che si erano avventurati ad occupare i posti pagati a caro prezzo erano subito scappati via in quanto non avevano trovato nessun servizio (neppure quelli igienici) a supportare la loro permanenza; i visitatori che scappavano in mezzo a quella desolazione (mentre vi era la tradizione di farsi un giro tra le bancarelle prima di farvi ritorno nelle sere seguenti per acquistare le cose che interessavano); tutti i locali che insistono nella zona privati dell’introito, spesso essenziale per la sopravvivenza nel resto dell’anno, degli uni e degli altri. Così proprio non và caro sindaco! Questo quartiere è degno di ben altra attenzione e considerazione! Oppure si è deciso di svuotarlo anche di questa occasione annuale (visto che già si vociferava di uno spostamento in altro luogo per il prossimo anno)??? Attendiamo risposte concrete, ma soprattutto fatti, che smentiscano quanto ci è stato paventato e quanto traspare dai vostri comportamenti!