Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

TAURIANOVA (RC), SUNDAY 01 AUGUST 2021

Torna su

Torna su

Notizie Popolari

 
 

Calabria, terra di “saldi” al Consiglio regionale…di nomine…di co.co.co e… di vergogna (questa sconosciuta) Nella convocazione della prossima Assemblea legislativa di venerdì prossimo tocca alle nomine del "sottobosco" e del sottogoverno della Regione

Calabria, terra di “saldi” al Consiglio regionale…di nomine…di co.co.co e… di vergogna (questa sconosciuta) Nella convocazione della prossima Assemblea legislativa di venerdì prossimo tocca alle nomine del "sottobosco" e del sottogoverno della Regione

Eppure scriviamo e scriviamo ed ancora scriviamo per denunciare situazioni anomale che in un consiglio regionale decaduto perché il presidente della giunta regionale, eletto dal popolo il 26 gennaio del 2020, Jole Santelli, purtroppo è scomparsa prematuramente il 15 ottobre dello stesso anno in cui è stata eletta.
Ma il consiglio regionale che nei fatti dovrebbe andare avanti per questi, a questo punto presunti, “affari correnti” fino a nuove elezioni, sembra essere sordo, anzi di più, cieco e “gnorri”.
Come se la vergogna non si conoscesse. Come se fosse un sentimento ignorato dagli uomini i quali oggi siedono in quei banchi per elargire incarichi vergognosi come i Co.co.co, deplorevole come i portaborse, il tutto per dare qualche manciata di elemosina economica e per dire che sono all’interno di questa o quella struttura in attesa delle elezioni regionali di ottobre e quindi, cercare di costruire consensi per essere rieletti.
Ma il paradosso è che i vari consiglieri regionali della Calabria, senza distinzione di posizione politica, li ritrovi come paladini della morale, preoccupati di quanto accade in Calabria, al fianco dei più poveri, dei deboli, sono sempre pronti a darti una pacca sulle spalle e dirti che “me la vedo io”. Leggi le loro note stampa, pieni di preoccupazione e di impegno, e pensi ma sono gli stessi “tromboni” che sfornano portaborse, co.co.co e fanno nomine come quelle che sono all’ordine del giorno nella riunione dell’Assemblea legislativa del 18 giugno prossimo alle ore 13.
Ci sono una serie di interpellanze come contorno, del tipo una corrida per i soldi pubblici dei calabresi, fanno riscaldare il toro con le banderillas per poi dargli la stoccata finale con la spada, o come una sorta di antipasto prima del pranzo pantagruelico, ovvero le nomine nel sottobosco della Regione Calabria, quelle dei comitati, delle aziende e degli enti che ruotano intorno alla “mammella” della Regione.
Quelle nomine dove in molti rincorrono con lingua al seguito il consigliere di maggioranza di turno per poter occupare una casella in una di queste poltrone (in allegato il documento con le nomine da espletare).
Si va dalla nomina di presidenti (o supplenti) degli organi amministratovi o dei collegi sindacali di enti di vario genere (dal Corecom a Fincalabra, dal Consorzio del Bergamotto alla Casa degli Oli extravergini, dal Comitato per le servitù militari alla Consulta per la tutela delle professioni all’Osservatorio dello Sport).
Poi c’è anche la nomina del Difensore civico della Regione e poi ancora del Garante della salute e poi del Garante dell’infanzia della Regione.
Noi pensiamo che queste nomine non rientrano negli “affari correnti”, pensiamo che sia una sorta di abuso della morale e del calpestare la stessa, sputandoci sopra. Pensiamo che questa sia una pagina vergognosa della politica calabrese e pensiamo pure che questi tromboni vetusti dall’apparenza angelica non sono altro che il lupo di cappuccetto rosso travestiti da nonnina.
Pensiamo che questa gente non dovrebbe più essere eletta per manifesta condizione vergognosa per il ruolo che occupano con l’aggravante dell’indegnità morale.
Ovviamente le nomine saranno effettuate con i cosiddetti “poteri sostitutivi” del presidente del Consiglio regionale il quale ricordiamo si chiama Giovanni Arruzzolo di Rosarno.
E quindi, ieri, oggi e domani (speriamo di no, ma la vediamo dura), la politica conferma essere ancora “sangue e merda”, ingrassata dalla vergogna e dell’indecenza stagionale.
Ma questo è un consiglio regionale congedato e per gli affari correnti o è semplicemente il consiglio regionale
della vergogna?
(GiLar)

Scarica il documento con l’elenco delle nomine
Allegato PT 3- ELENCO NOMINE COMPETENZA CONSIGLIO