Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

TAURIANOVA (RC), MARTEDì 28 MAGGIO 2024

Torna su

Torna su

 
 

Bilardi. “D’accordo con Scopelliti nel rinnovare la classe dirigente del centrodestra”

Bilardi. “D’accordo con Scopelliti nel rinnovare la classe dirigente del centrodestra”

Continua il capogruppo della “Lista Scopelliti Presidente”, “la Calabria sta pian piano dimostrando, sul piano regionale e nella componente della sua classe dirigente di maggioranza, di avere un canovaccio di idee, di postulati, di programmi e di prospettive che le consentono di navigare con sicurezza i processi politici ed i percorsi amministrativi mentre in altre realtà – talvolta caratterizzate da economie grasse e strutturate – ci si barcamena su tragitti non definiti e su prassi ormai stantie

Bilardi. “D’accordo con Scopelliti nel rinnovare la classe dirigente del centrodestra”

Continua il capogruppo della “Lista Scopelliti Presidente”, “la Calabria sta pian piano dimostrando, sul piano regionale e nella componente della sua classe dirigente di maggioranza, di avere un canovaccio di idee, di postulati, di programmi e di prospettive che le consentono di navigare con sicurezza i processi politici ed i percorsi amministrativi mentre in altre realtà – talvolta caratterizzate da economie grasse e strutturate – ci si barcamena su tragitti non definiti e su prassi ormai stantie

 

 

REGGIO CALABRIA – Le recenti riflessioni affidate alla stampa dal governatore della Calabria conclamano la vitalità di questo centrodestra calabrese che non solo trova riscontri oggettivi ed inoppugnabili nei recenti risultati elettorali, che in Calabria sono stati positivi ed in controtendenza, ma anche dimostra che questa regione ha una classe dirigente nuova, giovane, efficiente che è capace non soltanto di delineare i propri percorsi politici ma pure si pone interrogativi sostanziali sui percorsi della politica nazionale per quanto attiene al partito di maggioranza della coalizione.”

Lo afferma il capogruppo della “Lista Scopelliti Presidente”, on.le Giovanni Bilardi, che aggiunge: “la Calabria sta pian piano dimostrando, sul piano regionale e nella componente della sua classe dirigente di maggioranza, di avere un canovaccio di idee, di postulati, di programmi e di prospettive che le consentono di navigare con sicurezza i processi politici ed i percorsi amministrativi mentre in altre realtà – talvolta caratterizzate da economie grasse e strutturate – ci si barcamena su tragitti non definiti e su prassi ormai stantie.

Vi è un protocollo di sviluppo ed una consuetudine di amministrazione attenta che è il “modello Calabria”, afferma Bilardi, il quale, in questo momento epocale di grandi difficoltà economiche, di tensioni sociali e di sbandamenti del ruolo della politica e di una certo delirio iconoclasta verso il suo messaggio , va riconosciuto ed apprezzato oltre i confini regionali. Va conclamato nella sua qualità risolutiva perché nasce dal basso, si forma e si abbevera sul territorio e dallo stesso rapporto continuo col territorio estrae vigore e ricava indirizzi e scelte ottimali ma, soprattutto, politiche di benefici diffusi nella discontinuità coi metodi antichi di una certa politica che ricercava privilegi inconfessabili per pochi.

Prendiamo atto con soddisfazione – ha continuato l’on.le Bilardi – che c’è una Calabria che fa scuola di competenza politica, di virtù e di immiopia; che questa Calabria, protesa alla emancipazione socio-economica ed al riscatto da ogni forma di sottomissione politica e criminale ha una “testa d’ariete” entusiasta e consapevole di rappresentare, nella sua multiforme accezione, di giovani, di donne, di non garantiti, di cittadini onesti e di nuova classe politica, un avamposto di innovazione e di etica pubblica che deve innescare progresso economico, opportunità diffuse, condizioni favorevoli per le giovani generazioni e la concreta possibilità che finalmente questa Calabria possa interpretare la politica della evoluzione e dei vantaggi del territorio. Tali scenari, che rappresentano l’indirizzo fondante di questo incontro proficuo tra la società civile e la società politica che diede vita al movimento “Lista Scopelliti Presidente” assumono la valenza storica per la Calabria ed epocale per la sua classe politica di una intuizione feconda e di un metodo efficace. Questo è il momento delle scelte – ha concluso l’on.le Bilardi – e tale evento epocale coinvolge tutti noi della coalizione di centrodestra, segnatamente i movimenti di supporto etico, d’immagine ed elettorale come la “Lista Scopelliti Presidente”, che ha oggi il compito fascinoso di rappresentare ed interpretare questa metamorfosi della società civile che reclama interezza dei ruoli alla politica e pretende una profonda rifondazione dei metodi, delle facoltà, degli stessi messaggi che competono al sistema di governo del territorio. Crediamo che il territorio, che ascoltiamo sempre con attenzione, possa essere un suggeritore ineludibile e che questa classe dirigente calabrese debba fare scelte di campo – nel rispetto delle attese del cittadino dalla politica – proponendo e suggerendo il “modello Calabria” che, tra tanti limiti temporali e contingenti, ha la caratteristica produttiva del “comune sentire” e della passione per un’azione politica intesa come “spirito di servizio” che appare oggi quasi una cartolina ingiallita da nascondere con pudore in fondo ad un cassetto.”

REDAZIONE@APPRODONEWS.IT