Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

TAURIANOVA (RC), LUNEDì 22 LUGLIO 2024

Torna su

Torna su

 
 

Bcc Cittanova riparte dopo commissariamento A guidare la risalita della Banca di Credito Cooperativo c’è il direttore Mario Luca Corvo

Bcc Cittanova riparte dopo commissariamento A guidare la risalita della Banca di Credito Cooperativo c’è il direttore Mario Luca Corvo
Testo-
Testo+
Commenta
Stampa

La Bcc di Cittanova, uno degli istituti di credito più importanti del territorio della Piana di Gioia Tauro, riparte con grande slancio dopo i mesi turbolenti e le incertezze future dovute al commissariamento della banca. A guidare la risalita della Banca di Credito Cooperativo c’è il direttore Mario Luca Corvo, manager che è riuscito a far uscire dalle sabbie mobili e, di conseguenza, a far riacquistare credibilità al soggetto economico che, oggi, è ritornato nuovamente competitivo sul mercato finanziario. Lo stesso direttore ha parlato della strategia pianificata anche con l’aiuto del Gruppo Bancario Cooperativo Iccrea, al quale la BCC di Cittanova ha aderito lo scorso 16 dicembre, per far risalire la china all’Istituto: «La banca – ha dichiarato Corvo – è ripartita dopo il commissariamento tornando ad essere vicina alle esigenze dei cittadini e degli imprenditori del territorio. Il piano varato ha prodotto una solidità economica dell’istituto finanziario che consente agli utenti che vivono nel comprensorio pianigiano di avere uno strumento per sopperire alle tante difficoltà dovute alla grave crisi economica mondiale».

Una banca, dunque, che si pone a fare da intermediario tra la congiuntura economica e le esigenze d’investimento di coloro che hanno voglia di investire nel territorio calabrese: «Il nostro istituto – ha proseguito il direttore della Bcc di Cittanova – esamina i progetti economici che vengono sottoposti alla nostra attenzione e finanzia quelle idee meritevoli di un’occasione quando riescono a soddisfare due requisiti fondamentali per la buona riuscita di un programma operativo: sostenibilità e validità del progetto economico. Tutto ciò invoglia gli imprenditori a rischiare nella provincia reggina sapendo di avere alle spalle un istituto finanziario che sostiene economicamente la bontà di una iniziativa».

Un passato nebuloso alle spalle, un futuro radioso si prospetta nella nuova mission della Bcc, che è e rimane quella di essere Banca al servizio del territorio nel rispetto della vocazione localistica delle BCC: «Sarà importante – ha concluso Mario Luca Corvo – evitare di ripetere gli errori del passato. Dobbiamo concepire la gestione di un istituto di credito con l’idea di ottenere risultati in un arco temporale di breve-media durata, nessun dirigente deve rimanere in eterno. Ci deve essere da parte di tutti (in primis i soci della BCC) la consapevolezza che c’è un nuovo modo di “fare banca”, nuovo e singolare per via della forza rappresentata dall’adesione al Gruppo Bancario Iccrea. Il nuovo management, inoltre, rispondendo a logiche di gruppo, ha la possibilità di poter operare in conformità a direttive esclusivamente ‘meritocratiche’ nell’interesse sia della banca che della comunità economica locale. La strada è stata tracciata e, con l’aiuto di tutti, prevedo un grande domani per la Bcc di Cittanova».