Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

TAURIANOVA (RC), SABATO 20 LUGLIO 2024

Torna su

Torna su

 
 

Intimidazione al sindaco Romeo, le riflessioni del sociologo Petullà

Intimidazione al sindaco Romeo, le riflessioni del sociologo Petullà

| Il 31, Ago 2012

“A Taurianova, piuttosto che altrove, si gioca – molto più di quanto, in apparenza, si possa immaginare – la credibilità dello Stato democratico”

Intimidazione al sindaco Romeo, le riflessioni del sociologo Petullà

“A Taurianova, piuttosto che altrove, si gioca – molto più di quanto, in apparenza, si possa immaginare – la credibilità dello Stato democratico”

 

 

Riceviamo e pubblichiamo:

A Taurianova, piuttosto che altrove, si gioca – molto più di quanto, in apparenza, si possa immaginare – la credibilità dello Stato democratico. In modo particolare lo stillicidio di atti intimidatori – riconducibili alla persona del primo cittadino – mostra la faccia di un attacco, diretto all’organo d’indirizzo e di controllo politico/amministrativo, nella rappresentativa funzione del suo mandato. Si ha l’impressione che, il simbolismo – peculiare e distintivo – di questa precipua aggressività, voglia a tutti i costi affrettare l’instaurazione di un’alternativa sovranità territoriale, il cui esercizio del potere è convinto di sbeffeggiare la democrazia, finanche nel governo dell’ordine pubblico. E’ stato possibile affermare, in altri contesti, che risulta piuttosto difficile – in atto – prevedere i possibili scenari, che nella comunità si potrebbero schiudere, a proposito della fenomenologia della violenza. Per non parlare, poi, di altre conseguenze – per molti aspetti non meno rilevanti – che si pongono sul piano sociale e culturale. In quest’ultima direzione di senso, Taurianova rischia di trasformarsi in una realtà normalizzata, dove tutti – nessuno escluso – saranno impegnati a pagare i prolungati rimbalzi delle più attuali dinamiche delinquenziali. Questo, tuttavia, non significa per niente che si debba indugiare ancora – magari fino a trovarsi di fronte a una bara – per prendere contezza, ad esempio, della potenziale presenza di una bestializzazione dell’arroganza ndranghetista.

Mimmo Petullà

redazione@approdonews.it